Oggi parliamo di

Pulizie condominiali, evitare le liti affidandosi a imprese specializzate

Quando ci si ritrova a vivere in un condominio per la prima volta, bisogna da subito fare i conti con gli altri abitanti del complesso condominiale. I rapporti con questi ultimi possono infatti velocemente degenerare per le più futili questioni ( rumori eccessivi, animali domestici, consumi etc.). Le liti condominiali sono infatti all’ordine del giorno e rappresentano un problema vero e proprio in grado di compromettere la serenità di vivere in casa propria.

Un tema particolarmente delicato e spesso oggetto di liti fra condomini, è quello legato alla pulizia e alla cura delle aree comuni. Diversamente da quanto si possa pensare, le pulizie condominiali non comprendono unicamente le scale, bensì anche i pavimenti, i pianerottoli, i portoni d’ingresso, eventuali cortili interni od esterni, vetri e davanzali, ascensori, terrazze e verande.
Si tratta infatti di aree di comune uso in cui vi transitano quotidianamente numerose persone e animali e che sono quindi soggette alla sporcizia di ogni genere.

Può quindi capitare che la pulizia di questi spazi non soddisfi le esigenze di tutti i condomini e le responsabilità di questo potrebbero essere attribuite ad alcuni abitanti dello stabile perché magari possessori di animali o poco rispettosi delle aree comuni.
Spesso si cerca di alternare i turni di pulizia fra condomini stessi, ma il rischio di forti litigi in questo caso aumenta notevolmente. Stabilire dei turni fissi, farli rispettare, ottenere dei risultati di pulizia soddisfacenti non è affatto semplice.

Per evitare che situazioni analoghe si verifichino, la soluzione ideale è quella di rivolgersi ad un’impresa di pulizie professionale, specializzata quindi nella pulizia e nella cura degli edifici condominiali. In questo modo sarà possibile stabilire un programma di pulizia attentamente studiato per le caratteristiche del complesso condominiale, in base alle esigenze dei condomini e agli accordi con l’amministratore condominiale.

Un’impresa di pulizie dispone infatti di un team di professionisti specializzati nella pulizia di tutti gli ambienti e di tutte le superfici, riuscendo a rispondere alle esigenze più disparate. Dispone inoltre delle più efficienti attrezzature oltre a un’ottima conoscenza dei prodotti migliori e sicuri per il trattamento di diversi materiali. In questo modo le pulizie verranno effettuate con delle scadenze prestabilite che saranno sempre rispettate, i risultati ottenuti saranno poi di assoluta qualità e in grado di garantire il massimo livello di igiene e cura delle superfici.

Una considerazione da non trascurare quando ci si rivolge ad un’impresa di pulizie esterna, è quella di accertarsi che soddisfi gli obblighi imposti dalla legge.
Nel dettaglio, l’art.1, primo comma, della legge n.82/1994 stabilisce che:

Le imprese che svolgono attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione o di sanificazione, di seguito denominate “imprese di pulizia”, sono iscritte nel registro delle ditte di cui al testo unico approvato con regio decreto 20 settembre 1934, n. 2011, e successive modificazioni, o nell’albo provinciale delle imprese artigiane di cui all’articolo 5 della legge 8 agosto 1985, n. 443, qualora presentino i requisiti previsti dalla presente legge“.

L’impresa di pulizie deve quindi essere iscritta alla Camera di Commercio poiché in caso contrario, l’esercizio dell’attività sarà considerato abusivo e potrà comportare pesanti sanzioni.