Oggi parliamo di

come effettuare la pulizia dell'armadio per il cambio stagione, il procedimento step by step, come rimuovere i cattivi odori e pulire un armadio in legno

Cambio di stagione: come pulire e igienizzare gli armadi

Mese dopo mese al consumatore medio capita di acquistare qualche nuovo capo d’abbigliamento per poi ritrovarsi a fine stagione ad aver accumulato tutta una serie di indumenti e accessori che affollano i propri guardaroba. La primavera si avvicina e si avverte da quella temperatura sempre più mite che allieta le nostre giornate.

É il momento di riassettare dentro a quelle ante che abbiamo quasi paura ad aprire. Strabordano di roba nascosta alla rinfusa e tra quelle cose sai che c’è da fare una cernita. Pulire e igienizzare l’armadio è un’attività che va programmata, non va improvvisata.

Come affrontare il cambio di stagione

Occorreranno: tempo, pazienza e una musica di sottofondo che darà la spinta giusta per iniziare. Di media si impiegano dalle 4 alle 6 ore per riordinare un armadio. Ovvio molto dipende dalle dimensioni! É vero il cambio stagione ci fa sentire più stanchi, confusi ma come si dice: chi ben comincia è a metà dell’opera. Sì, molti hanno trovato quella che all’apparenza sembra un’attività noiosa e sfibrante, addirittura terapeutica. La pulizia e l’assetto generano pace e benessere! É consigliabile procedere con ordine.

Qui si seguito riportiamo i passi importanti, ma ognuno deciderà se proseguire per scomparti o svuotare tutto completamente. Organizzandosi con buste o scatole il lavoro sarà di molto alleggerito e dopo scopriremo perchè.

Sgombrare tutto. Mentre tiriamo fuori gli oggetti dall’armadio possiamo contemporaneamente già dividerli appoggiandoli in zone diverse.
Se in questa selezione ci imbattiamo in capi che non abbiamo usato negli ultimi mesi, adagiamoli in una scatola destinata a regali o al riciclo creativo.

Sappiamo che a volte è sentimentalmente difficile separarsi da certi vestiti; non li usiamo, ma non abbiamo il coraggio di buttarli. Non pensiamo a quanto abbiamo speso, ma piuttosto a come trasformare quei capi o addirittura donarli. Molte associazioni aspettano con ansia ogni genere di indumento, accessorio, scarpa ecc. che possa sopperire alle necessità di famiglie bisognose.

Un alternativa, meno appagante, consiste nel vendere, anche su portali online, vestiti usati. Dopo un’accurata distinzione, il guardaroba sarà predisposto al processo di igienizzazione.

Come igienizzare l’armadio

Questa fase è la più noiosa forse, ma anche la più importante. Non solo si riporranno i propri indumenti in uno spazio accuratamente pulito, ma tale disinfettazione consentirà ai nostri capi di avere una vita più lunga. Procediamo partendo da destra verso sinistra, e dall’alto verso il basso. Quest’ultimo passaggio ha il suo perchè; la polvere e lo sporco tendono ovviamente a cadere verso i settori inferiori.

Igienizzando in questo ordine si manterrà tutto pulito. Le lozioni igienizzanti in commercio sono moltissime e molto profumate. Optiamo sempre verso prodotti naturali poco carichi di fragranze che sono irrilevanti in quanto a profondità di pulizia. Tante bombolette spray sul mercato risultano un pò aggressive e talvolta danneggiano le superfici trattate. Ecco perchè alcuni conservano semplici ricette della nonna. Un panno adatto, acqua, aceto e olio di gomito. Questo risulta sufficiente alla stragrande maggioranza delle superfici.

La pulizia dell’armadio in legno

La camera da letto è quella stanza della casa più intima e i mobili con cui è arredata sono quasi sempre quelli scelti quando eravamo giovani sposi, ne andiamo fieri. L’attenzione rivolta all’armadio di legno, merita perciò un approfondimento speciale. Prepariamo un flacone spray che utilizzeremo proprio a questo scopo.
Riempiamo il contenitore con acqua all’80% e aceto bianco di vino per il restante 20%.

Mischiamo bene e strofiniamo. Il panno di cui faremo uso dev’essere umido, strizzato con cura. Sembra inutile, ma si consiglia di passare lo strofinaccio seguendo la direzione delle venature del legno. Una coccola che il legno apprezzerà! Se la superficie in questione è laccata, potrebbe essere necessario prestare ancor più attenzione all’asciugatura. Passato un panno asciutto si eviterà la formazione di brutti aloni antiestetici.

Successivamente potremmo curare il legno mettendo qualche goccia di olio di lino su un panno di lana accarezzando tutta la superficie. Ora l’armadio è pronto a riaccogliere tutti i capi adatti alla stagione. Sbattiamoli o spazzoliamoli bene uno ad uno e pieghiamoli con cura. Accertiamoci che ogni maglietta, pantalone e indumento sistemato fosse stato lavato; nel dubbio non mettiamolo di nuovo tra le cose pulite. Meglio dare una rinfrescata a tutta la biancheria. Potremmo decidere di ultimare il lavoro posizionando degli anti tarme e/o profumi naturali per dare un tocco speciale al trattamento eseguito.

Tra questi repellenti scegliamo erbe, oli essenziali alla lavanda e spezie come il legno di cipresso o il cedro che disturbano le tarme. Questi dovranno essere sostituiti dopo circa tre mesi per mantenere la loro efficacia. Cambio stagione effettuato!